lunedì 11 agosto 2014

Direttiva 2006/123/CE "Direttiva Bolkenstein" e i taxi

SWT Direttiva 2006/123/CE "Direttiva Bolkenstein" e i taxi

La direttiva 2006/123/CE del 12 dicembre 2006 relativa ai servizi nel mercato interno, conosciuta anche col nome di "Direttiva Bolkenstein", è stata recepita in Italia col Decreto Legislativo 26 marzo 2010, n.59.

Analizziamo ora cosa viene detto in questa direttiva in merito all'argomento "taxi" (si fa presto a dire "libero mercato" e "liberalizzazioni"):

È opportuno che le disposizioni della presente direttiva relative alla libertà di stabilimento e alla libera circolazione dei servizi si applichino soltanto nella misura in cui le attività in questione sono aperte alla concorrenza e non obblighino pertanto gli Stati membri a liberalizzare i servizi d’interesse economico generale, a privatizzare gli enti pubblici che forniscono tali servizi o ad abolire i monopoli esistenti per quanto riguarda altre attività o certi servizi di distribuzione.(punto 8 delle premesse)
 ...I servizi d’interesse generale non rientrano nella definizione di cui all’articolo 50 del trattato e sono pertanto esclusi dall’ambito di applicazione della presente direttiva. I servizi d’interesse economico generale sono servizi che, essendo prestati dietro corrispettivo economico, rientrano nell’ambito di applicazione della presente direttiva. Tuttavia, alcuni servizi d’interesse economico generale, per esempio quelli che possono esistere nel settore dei trasporti, sono esclusi dall’ambito di applicazione della presente direttiva, ...
(punto 17 delle premesse)
 I servizi di trasporto, compresi i trasporti urbani, i taxi e le ambulanze nonché i servizi portuali, sono esclusi dal campo di applicazione della presente direttiva.
(punto 21 delle premesse)
Procedendo nella lettura del corpo della Direttiva "Bolkenstein" si legge nell'articolo 2:
Articolo 2

Campo di applicazione
1.   La presente direttiva si applica ai servizi forniti da prestatori stabiliti in uno Stato membro.
2.   La presente direttiva non si applica alle attività seguenti:
...
d) i servizi nel settore dei trasporti, ivi compresi i servizi portuali, che rientrano nell’ambito di applicazione del titolo V del trattato CE;
 Quindi, alla luce di quanto esposto in precedenza, il servizio Taxi è escluso dal campo di applicazione della Direttiva 2006/123/CE.

SCARICA LA DIRETTIVA 2006/123/CE (con evidenziati gli articoli citati sopra in pdf)

Nessun commento:

Posta un commento