domenica 13 aprile 2014

Ambulanza con autorizzazione da Noleggio con Conducente: è per il trasporto malati a titolo oneroso

Vi è mai capitato di vedere un'ambulanza che a fianco della targa posteriore reca lo scudetto di un'autorizzazione di Noleggio con Conducente e la cosa vi sembra strana? Eccone un esempio, guardate la foto sotto.
L'ambulanza che si vede ritratta nella fotografia è un'ambulanza immatricolata in servizio di Noleggio con Conducente, questo significa che l'ambulanza effettua un servizio di trasporto pagato dal trasportato o dal soggetto pubblico o privato per cui viene svolto il servizio.
La presenza dell'autorizzazione da Noleggio con Conducente, quindi, si rende necessaria in quanto è il "titolo legale" che permette di effettuare il trasporto di persone dietro il pagamento di un corrispettivo secondo quanto disposto dall'art. 85 del Codice della Strada. Quindi nel caso vi capiti di vedere un veicolo del genere non vi è nulla di strano o bizzarro.

Quanto esposto in precedenza è l'effetto del Decreto del Ministero dei Trasporti 1 settembre 2009, n.137 - "Immatricolazione delle autoambulanze in uso proprio e in servizio di noleggio con conducente" ulteriormente chiarito dalla circolare 21 dicembre 2009, n.109636, di cui riportiamo il passo interessato:

E) Noleggio con conducente
Le autoambulanze sono immatricolate in servizio di noleggio con conducente allorché il loro utilizzo avvenga sulla base del prescritto titolo legale (art. 85 del Codice della strada), nel caso in cui l’attività di trasporto è esercitata a titolo oneroso, vale a dire dietro corrispettivo da parte dei trasportati ovvero da parte del soggetto pubblico o privato nel cui interesse l’attività stessa viene svolta, ovvero è esercitata a fini di lucro.
All’istanza di immatricolazione deve essere allegata, oltre alla consueta documentazione tecnica ed alle attestazioni di versamento delle prescritte tariffe, la copia fotostatica del titolo legale dichiarata conforme all’originale, ai sensi dell’art. 19 del D.P.R. n. 445/2000, da persona fisica munita di poteri di rappresentanza.
Al fine della immatricolazione in servizio di noleggio con conducente, gli interessati possono disporre dei veicoli a titolo di proprietà piena, di usufrutto, di locazione con facoltà di acquisto e di acquisto con patto di riservato dominio, secondo i criteri stabiliti dagli artt. 91 e 93 del Codice della strada.
Inoltre, si fa presente che deve esserci coincidenza tra intestatario del titolo legale per l'esercizio del servizio di noleggio con conducente e, a seconda dei casi, il soggetto proprietario, l’usufruttuario, il locatario con facoltà di acquisto o l’acquirente nell’ipotesi di vendita con patto di riservato dominio.
PER APPROFONDIRE:

martedì 8 aprile 2014

Multe per luci del veicolo fulminate: i falsi miti da sfatare

Se, durante la circolazione con il nostro veicolo, veniamo fermati dagli agenti del traffico e viene accertata la presenza di una lampadina fulminata di un faro o fanalino si può venir sanzionati ai sensi dell'art. 79 del Codice della strada che prevede una sanzione amministrativa (multa) da 84 a 355 €.
Contrariamente a come molti pensano l'avere al seguito le lampadine di riserva in alcuni casi non  evita la sanzione, questa è una semplice voce di popolo priva di fondamento. Di seguito si riporta l'art. 79 del Codice della strada:

Art. 79. Efficienza dei veicoli a motore e loro rimorchi in circolazione.

1. I veicoli a motore ed i loro rimorchi durante la circolazione devono essere tenuti in condizioni di massima efficienza, comunque tale da garantire la sicurezza e da contenere il rumore e l'inquinamento entro i limiti di cui al comma 2.  
2. Nel regolamento sono stabilite le prescrizioni tecniche relative alle caratteristiche funzionali ed a quelle dei dispositivi di equipaggiamento cui devono corrispondere i veicoli, particolarmente per quanto riguarda i pneumatici e i sistemi equivalenti, la frenatura, i dispositivi di segnalazione visiva e di illuminazione, la limitazione della rumorosità e delle emissioni inquinanti.  
3. Qualora le norme di cui al comma 2 si riferiscano a disposizioni oggetto di direttive comunitarie, le prescrizioni tecniche sono quelle contenute nelle direttive stesse.  
4. Chiunque circola con un veicolo che presenti alterazioni nelle caratteristiche costruttive e funzionali prescritte, ovvero circola con i dispositivi di cui all'art. 72 non funzionanti o non regolarmente installati, ovvero circola con i dispositivi di cui all'articolo 80, comma 1, del presente codice e all'articolo 238 del regolamento  non funzionanti, è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 84 a euro 335. La misura della sanzione è da euro 1.174 a euro 11.741 se il veicolo è utilizzato nelle competizioni previste dagli articoli 9-bis e 9-ter. (2)
La presenza al nostro seguito delle lampadine di ricambio può, eventualmente, evitare che gli agenti del traffico ci vietino di proseguire la marcia. L'art. 192 comma 3 del Codice della strada prevede che, in particolari condizioni atmosferiche o della strada, nel caso di dispositivi luminosi non funzionanti gli agenti possano impedire di proseguire la marcia per evitare situazioni che possano costituire pericolo per gli utenti della strada.

 Art. 192. Obblighi verso funzionari, ufficiali e agenti.
1. Coloro che circolano sulle strade sono tenuti a fermarsi all'invito dei funzionari, ufficiali ed agenti ai quali spetta l'espletamento dei servizi di polizia stradale, quando siano in uniforme o muniti dell'apposito segnale distintivo.

2. I conducenti dei veicoli sono tenuti ad esibire, a richiesta dei funzionari, ufficiali e agenti indicati nel comma 1, il documento di circolazione e la patente di guida, se prescritti, e ogni altro documento che, ai sensi delle norme in materia di circolazione stradale, devono avere con sé.

3. I funzionari, ufficiali ed agenti, di cui ai precedenti commi, possono:

- procedere ad ispezioni del veicolo al fine di verificare l'osservanza delle norme relative alle caratteristiche e all'equipaggiamento del veicolo medesimo;

- ordinare di non proseguire la marcia al conducente di un veicolo, qualora i dispositivi di segnalazione visiva e di illuminazione o i pneumatici presentino difetti o irregolarità tali da determinare grave pericolo per la propria e altrui sicurezza, tenuto anche conto delle condizioni atmosferiche o della strada;

- ordinare ai conducenti dei veicoli sprovvisti di mezzi antisdrucciolevoli, quando questi siano prescritti, di fermarsi o di proseguire la marcia con l'osservanza di specifiche cautele.

4. Gli organi di polizia giudiziaria e di pubblica sicurezza possono, per controlli necessari ai fini dell'espletamento del loro servizio, formare posti di blocco e, in tal caso, usare mezzi atti ad assicurare, senza pericolo di incidenti, il graduale arresto dei veicoli che non si fermino nonostante l'ordine intimato con idonei segnali. Le caratteristiche di detti mezzi, nonché le condizioni e le modalità del loro impiego, sono stabilite con decreto del Ministro dell'interno, di concerto con i Ministri dei lavori pubblici e di grazia e giustizia.

5. I conducenti devono ottemperare alle segnalazioni che il personale militare, anche non coadiuvato dal personale di polizia stradale di cui all'art. 12, comma 1, impartisce per consentire la progressione del convoglio militare.

6. Chiunque viola gli obblighi di cui ai commi 1, 2, 3 e 5 è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 84 a euro 335.

7. Chiunque viola le disposizioni di cui al comma 4, ove il fatto non costituisca reato, è punito con la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 1.324 a euro 5.302 (1).

Inutile dire che la diceria secondo la quale gli agenti del traffico dovrebbero sostituire la lampadina fulminata nel caso in cui l'automobilista non sia in grado di sostituirla è solo una leggenda metropolitana.

MATERIALE CORRELATO: