lunedì 17 febbraio 2014

Taxi: le normative inerenti fatture ed IVA

SWT Taxi: normative inerenti fatture ed IVA. Ecco le norme che regolano le fatture e l'Iva del settore taxi.

Le normative attualmente in vigore esentano dall'obbligo di emissione di scontrino fiscale e ricevuta fiscale le prestazioni di trasporto persone rese a mezzo di servizio di taxi (art.2 lettera "l" del DPR 696/96), fatto salvo il caso in cui il cliente lo richieda espressamente prima della fine della corsa. La richiesta va evasa entro 24 ore a mezzo di consegna a mano o di spedizione, il tassista che si rifiuti di emettere fattura è punibile con sanzione amministrativa e disciplinare ai sensi dell'art.6 del decreto legislativo 18 dicembre 1997 n.471.

Art. 2.
Operazioni non soggette all'obbligo di certificazione 
 1. Non sono soggette all'obbligo di certificazione di cui all'articolo 1 le seguenti operazioni:
... Omissis ...
l) le prestazioni di traghetto rese con barche a remi, le prestazioni rese dai gondolieri della laguna di Venezia, le prestazioni di trasporto rese con mezzi a trazione animale, le prestazioni di trasporto rese a mezzo servizio di taxi, le prestazioni rese con imbarcazioni a motore da soggetti che esplicano attivita' di traghetto fluviale di persone e veicoli tra due rive nell'ambito dello stesso comune o tra comuni limitrofi;
Art. 2 lettera "l" del DPR n.696/96
Per quanto riguarda l'emissione della fattura il servizio taxi è esente IVA per le prestazioni di trasporto effettuate all'interno del comune o comunque tra comuni distanti tra loro meno di 50 Km (art. 10 comma 14 del DPR 633/72).
Articolo 10
Operazioni esenti dall'imposta
1. Sono esenti dall'imposta:
...Omissis...
14) prestazioni di trasporto urbano di persone effettuate mediante veicoli da piazza o altri mezzi di trasporto abilitati ad eseguire servizi di trasporto marittimo, lacuale, fluviale e lagunare. Si considerano urbani i trasporti effettuati nel territorio di un comune o tra comuni non distanti tra loro oltre cinquanta chilometri;
Art. 10 comma 14 DPR 633/72

Nel caso il servizio di trasporto a mezzo di taxi superi i 50 Km di percorrenza si applica L'IVA al 10% (tabella "A" parte III 127-novies del DPR 633/72").
TABELLA "A"
...Omissis...
Parte III
BENI E SERVIZI SOGGETTI ALL'ALIQUOTA DEL 10%
...Omissis...
127-novies) prestazioni di trasporto di persone e dei rispettivi bagagli al seguito, escluse quelle esenti a norma dell'articolo 10, numero 14), del presente decreto;
Tabella "A" parte III 127-novies DPR 633/72
In linea generale, sono soggette all’imposta di bollo, ai sensi dell’art. 13 della tariffa – parte prima – allegata al DPR n. 642/1972, le fatture e i documenti di importo complessivo superiore ad euro 77,47 riguardanti operazioni: 
  • fuori campo IVA per mancanza del presupposto soggettivo o oggettivo (artt. 2, 3, 4 e 5, D.P.R. 633/1972), territoriale (artt. da 7 a 7-septies, D.P.R. 633/1972);
  • escluse da IVA (per meglio dire i riaddebiti in nome e per conto della controparte; penalità per inadempimenti, ecc. di cui all’art. 15, D.P.R. 633/1972);
  • esenti da IVA (art. 10, D.P.R. 633/1972);
  • non imponibili perché effettuate in relazione ad operazioni assimilate alle esportazioni, servizi internazionali e connessi agli scambi internazionali, cessioni ad esportatori abituali (esportazioni indirette, art. 8, lett. c), D.P.R. 633/1972). 
L'ammontare dell'imposta di bollo è stata aumentata da 1,81€ a 2,00€ dall'Art. 7-bis comma 3 Legge 24.06.2013 n. 71 in vigore dal 26 giugno 2013.
A decorrere dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, le misure dell'imposta fissa di bollo attualmente stabilite in euro 1,81 e in euro 14,62, ovunque ricorrano, sono rideterminate, rispettivamente, in euro 2,00 e in euro 16,00 .
Art. 7-bis comma 3 L. 24.06.2013 n. 71
Corre l'obbligo di specificare che l'onere di apporre il contrassegno è a carico di chi redige le fatture o ricevute, così come specificato dalla risoluzione dell'Agenzia delle Entrate n.444 del 18.11.2008.

PER APPROFONDIRE:

Nessun commento:

Posta un commento